testi 2 – Sergio Endrigo
Ago 17, 2014
Novita'!

Categoria: testi 2

Tip Tap

00testi 2 giugno, 17

Si lo so c’è più musica in America
 Perché la tutto marcia a suon di musica
 Se una donna americana ti lascia e và
Canti un blues
E quando non basta
Non sbattono la testa
Ma battono punta e tacco in un attacco di tip tap
Si lo so c’è più ritmica in America
Perché là non si fanno fisarmoniche
E se ballare il tuo sogno
Nello specchio del bagno
Già ti vedi a Brodway
E non ti un tango al Festival dell’Unità
Isernia se tu fossi in California
Con quanto swing suoneresti le campane
E quanti ballerini e quante luci colorate
Quanti trombettisti negri nella banda comunale
A sfilare lungo i tuoi boulevards
Si lo so
C’è più tecnica in America
Siamo là dove tutto fa spettacolo
Là fai nascere i bambini del colore che vuoi
E non come qua
Che in genere ormai
Son quasi tutti bianchi e dilettanti di tip tap
Si lo so
C’è più spazio là in America
Mica come qui che in un’ora sei a Rimini
E quando hai voglia di uno struscio
Di un mostruoso liscio
Non ti serve Brodway
La tecnica dei tacchi
La musica e l’America
Ma se ti riesce lo struscio
Benedisci anche il liscio
E buonanotte Brodway
Lo swing la California
La musica e l’America
Lo swing la California
La musica e l’America
E  tip tip tap

Testo: Bartolocci
Musica: Endrigo/ Bardotti

Edizione: Concertone/ Warner Music Publishing

Testo pubblicato per gentile concessione di Warner Music Publishing

Provincia

00testi 2 giugno, 17

Sempre in attesa di qualche cosa
Di un uomo ideale di un’altra morosa
Si gioca a biliardo
A scala e a scopone
Gli ultimi slanci di rivoluzione
Solo alla radio si sente al sicuro
Trasmette del rock del rock molto duro
E sogna un’alfetta di seconda mano
Con tanta voglia di andare lontano
Lontano da quei provinciali
Da chi taglia le tue ali
E ti impedisce di volare
La dove incomincia un’altra provincia
Lontano da Rosa Maria che uccide la tua fantasia
E gode in dialetto anche a letto con te
Sempre in attesa di qualche cosa
Di un principe azzurro o di una rosa
Accetta un passaggio da un signore cortese
Un grosso artista che parla l’inglese
E a cena gli chiede cosa pensa di Dio
E come son fatte le donne di Rio
E guarda il soffitto nel Motel fuori mano
Con tanta voglia di andare lontano
Lontano da quei provinciali
Da chi taglia le tue ali
E ti impedisce di volare
Là dove incomincia un’altra provincia
Lontano dall’ipocrisia
Da un uomo senza fantasia
Che dice in fumetti l’affetto per te
E si sposeranno
Due bagni due stanze
Viaggio di nozze con l’Arci vacanze
Saranno poi bravi lavoratori
Nel fabbrichino dei genitori
Ma una sera qualunque
Guardando a colori
Il mondo degli altri
Il mondo di fuori
A ognuno di loro ritorna che strano
L’antica voglia di andare lontano
Là dove incomincia un’altra provincia

Testo: Endrigo/ Bardotti
Musica: Endrigo

Edizione: Concertone/ Warner Music Publishing

Testo pubblicato su gentile concessione di Warner Music Publishing

Pandora

00testi 2 giugno, 17

Hai purtroppo quel sorriso e quegli occhi china blu
Rosa inchiostro di china il viso che non si scorda più
Ma lo sai com’è difficile inseguirti
Pandora donna che viaggia donna che lavora
Cerco a destra scorgo a manca sembra parlino di te
Ti hanno vista ad una festa io non c’ero ma lui c’è
Ma lo sai com’è difficile incontrarti
Pandora donna che ti sfugge donna che innamora
Sai com’è
Mi rimbarco e vado via più lontano che si può
Hai scassato il cuore mio
Non si può giocare più
Torno a casa al vecchio amore
Tanti amici e nulla più
Occhi bruni pagliuzze d’oro
Sono belli si lo so
Mi riaggiusto che mio cuore mi rimbarco e vado via
Giro in tondo tocco il fondo
Più profondo che ci sia
Ma lo sai com’è difficile pescarti
Pandora donna che ti sguscia donna che scompare
Sai com’è
Hai hai purtroppo quel sorriso e quegli occhi china blu
Rosa inchiostro di china il viso che non so scordare più
Ma lo sai com’è difficile incontrarti
Pandora donna che viaggia donna che lavora
Hai purtroppo quel sorriso e quegli occhi bianchi e blu
Impossibile scacchiera dove vinci sempre tu
Ma lo sai com’è difficile scordarti
Pandora lasci la speranza solo a chi ti adora
Come me

Testo: Endrigo
Musica: Endrigo

Edizione: Concertone/ Warner Music Publishing

Testo pubblicato per gentile concessione di Warner Music Publishing

Mari del sud

00testi 2 giugno, 17

Si và in carovana verso il Nirvana
La felicità
Mani strette al volante
Verso nuovi orizzonti
Promessi in contanti
E in tasca bugie  e fotografie delle agenzie
Cammina e cammina
Sudore e benzina
E intanto si và
Fermi ai distributori si intrecciano amori
Di donne e motori si scambiano occhiate dolci e gasate
Come aranciate
Belle giornate
Amore e catrame
Stupida estate inganni anche me
Che conosco i viaggi miraggi e le imprese
Di Corto Maltese
E il bianco veliero
Che incrocia laggiù
Che ti fà prigioniero dei mari del sud
Se leggi i cartelli sei nel mar dei coralli
 A bordo di stelle
La freccia è precisa
Si và in paradiso
Tra poco si arriva
Infine è abbastanza se hai una stanza
Se proprio in vacanza
Nell’aria c’è odore di sogni leggeri
Di donne in calore
Di pesci di mare lasciati a seccare
Per l’eternità
Intanto si ride si mangia e si beve
Come stai sto bene
Belle giornate
Amore e catrame
Stupida estate inganni anche me
Che conosco i viaggi miraggi e le imprese
Di Corto Maltese
E il bianco veliero
Che aspetta laggiù
Che ti fa prigioniero dei mari del sud
Scende la sera con passi felpati
Di pantera nera
Rumori di biglie
Di carte e stoviglie
Che viene dal bar
Un ultimo sguardo all’infinito
Prima che tutto sia finito
Ancora uno sguardo all’infinito

Testo: Bartolocci
Musica: Endrigo

Edizione: Concertone/ Warner Music Publishing

Testo pubblicato per gentile concessione di Warner Music Publishing

Lo struzzo

00testi 2 giugno, 17

Un po’ per scherzo e per passare il tempo
Ho fatto il conto di tutto il tempo perso
Quando ero bambino
Amavo la mia mamma
Ma io non sapevo che fosse anche una donna
E se avessi avuto una o due sorelle
Le avrei volute stupide ma belle
E poi da grande dovevo stare al gioco
E innamorarmi magari solo un poco
Di una bambolina o di una gigantessa
Che mi fosse amica oppure mi mangiasse
Se tra bianche e nere non c’è differenza
Si trova sempre in giro qualche stronza
Il pescatore che tira su la rete
Non può sapere se pesce o dinamite
Sarà una sirena allegra e sorridente
Oppure una balena vigliacca e prepotente
Fatti un po’ di conti
Chi rischia è proprio un pazzo
Io mi nascondo come fa lo struzzo

Testo: Endrigo/ Bartolocci
Musica: Endrigo/ Mattone

Edizione: Southern Music

I grandi temi

00testi 2 giugno, 17

In piazza grande la folla immensa
Per l’occasione il cuore in festa
Parole a fiumi i grandi temi
La città intera che applaude e ride
Che grida insieme tutti d’accordo
Vecchi e bambini in allegria
Si può ballare
Si può cantare
E bandiere al vento gonfie di speranza
E bandiere al vento gonfie di speranza
 Ma si fa sera e bisogna andare
Perché domani non è più festa
La notte è muta tutti a dormire
E le bandiere arrotolate
Nella piazza vuota
C’è un punto scuro due punti scuri
Tornano a casa aprono porte
Fanno il caffè
Una donna e un uomo vanno a far l’amore
Una donna e un uomo vanno a far l’amore

Testo: Endrigo/ Bartolocci
Musica: Endrigo/ Mattone
Edizione: Southern Music

Testo pubblicato per gentile concessione di Southern Music